Ultimo aggiornamento: 7 aprile 2002

Corso di Perfezionamento in Psicodiagnostica Forense

 

Norme per la tesi di perfezionamento

 

(per ricevere ulteriori informazioni rivolgersi direttamente

al prof. Giuseppe Sartori o al prof. Corrado Lo Priore)

 

Al termine del corso gli studenti sono tenuti a produrre un elaborato di contenuto originale di su un tema di psicologia giuridica o psicodiagnostica forense. La tesi può essere di tipo sperimentale, clinico o compilativo.

Durante il corso (possibilmente entro la fine del ciclo di lezioni) gli studenti sono invitati a prendere contatto con uno dei docenti del corso a loro discrezione (o eventualmente di un altro docente di questa facoltà), per concordare un argomento da sviluppare. E' possibile avvalersi dell'aiuto di un correlatore esterno.

La scelta dell'argomento è libera. Tuttavia, poichè gli argomenti possibili sono sicuramente molti e la ricerca in questo settore comprende vaste aree ancora poco eplorate, si invitano gli studenti a prendere visione delle tesi degli anni scorsi, in modo da evitare inutili repliche di lavori già condotti e argomenti già ampiamenti sviscerati. Viene caldeggiata piuttosto la produzione di elaborati in settori di ricerca originali, che contengano (oltre alle doverose premesse teoriche) anche contenuti di taglio pratico, applicativo (studio di nuovi strumenti, definizione di metodologie, analisi di casi veramente rilevanti, elementi giurisprudenziali critici etc.) la cui lettura possa risultare utile anche ad altri studenti.

La tesi deve essere individuale, per cui, sebbene sia possibile lavorare insieme ad altri studenti su un argomento e condividere parte dell'elaborato finale, ciascuno di essi dovrà necessariamente presentare anche materiali e conclusioni personali.

 

Redazione delle tesi di perfezionamento

Le disposizioni relative alla redazioni della tesi sono le stesse valide per le tesi di laurea. Non esiste una indicazione precisa riguardo al volume di lavoro richiesto, che viene lasciato al libero arbitrio dei perfezionandi, purché all'interno di una ragionevole gamma (non inferiore ad alcune decine di cartelle e non superiore al centinaio).

Il frontespizio della tesi dovrà riportare le seguenti informazioni:

 

Discussione delle tesi di perfezionamento

Al termine del corso è prevista una giornata di discussione delle tesi. La presentazione è collettiva, ovvero ciascuno studente, possibilmente affiancato dal proprio relatore, esporrà brevemente il proprio lavoro al resto del gruppo. Si invitano a tale fine gli studenti a stimolare la presenza dei propri relatori alla sessione di discussione.

Sono previsti circa 15 min. per ciascun perfezionando, che dovrebbero comprendere sia l'esposizione del lavoro che una breve discussione collettiva. Si raccomanda vivamente ai perfezionandi di contenere il tempo della propria esposizione a circa 10 min. Si ripete per una seconda volta (poiché nessuno sembra mai volersi adeguare a questa disposizione): i perfezionandi preparino una presentazione che non superi i 10 min. di tempo, al fine di lasciare spazio anche alla discussione. Evitare assolutamente qualsiasi introduzione teorica generica, che solitamente risulta inutile oltreché piuttosto noiosa, ricordandosi che gli uditori saranno tutti già piuttosto competenti nel settore (che viene trattato durante il corso) e concentrarsi esclusivamente sulla descrizione del proprio contributo specifico (ricerca, considerazioni, proposte, conclusioni etc.) al fine di rendere la sessione stimolante e di utilità per tutti.

Non viene assegnata una votazione alla tesi, ma solo un giudizio di adeguatezza.

 

Scadenze per l'a.a. 2000/2001

La scadenza autunnale per la consegna dell'elaborato permette agli studenti di sfruttare il periodo estivo per effettuare il lavoro e la stesura. Si raccomanda dunque ai perfezionandi di scegliere al più presto il proprio relatore e l'argomento da sviluppare, in modo che entro il termine delle lezioni previste (solitamente entro la fine di giugno) tutti i candidati possano iniziare a lavorare. A tale fine, nel corso delle ultime lezioni di giugno sarà richiesto a ciascuno di segnalare il proprio relatore e l'argomento prescelto... meglio non farsi trovare impreparati.

Si rammenta inoltre che durante la pausa estiva risulta a volte più difficile condurre un lavoro di tesi (chiusura degli istituti e delle biblioteche, difficoltà a reperire soggetti sperimentali, vacanze proprie o del relatore), per cui chi intendesse condurre lavori più impegnativi o di tipo sperimentale è invitato ad iniziare anche prima del termine delle lezioni regolari.

 

Disposizioni relative alla consegna

Per chi lo desidera, assieme alla tesi è possibile consegnare un floppy disk contenente il testo della tesi (meglio se in un file unico e non spezzettata in un file per ogni capitolo). Il dischetto deve essere necessariamente formattato DOS, coloro che avessero come unica possibilità il sistema Macintosh devono comunque consegnare un dischetto formattato DOS. Si invitano gli studenti a effettuare controllo antivirus prima di consegnare il dischetto. Ricordarsi di indicare sull'etichetta del floppy disk il nome del perfezionando. In questo modo al termine del corso sarà possibile per i perfezionandi scambiarsi le tesi (in formato elettronico). Non è necessario rispettare la scadenza per la consegna del floppy disk (che è facoltativa), per cui esso potrà essere anche consegnato a mano nel corso della sessione di discussione.

 

ABSTRACT della TESI

 

Ciascuno studente è invitato a produrre un abstract (inteso come appendice pratica) del proprio lavoro di tesi. Lo scopo è di raccogliere, al termine del corso, tutti gli abstract in una dispensa unica che sarà poi disponibile per gli studenti. L'abstract dovrebbe avere una lunghezza di circa 2 o 3 cartelle (non vincolante).

E' importantissimo ricordare che l'abstract non deve essere un riassunto dalla tesi. L'abstract deve essere autonomo, comprensibile ed utilizzabile anche senza dover leggere la tesi. L'abstract deve contenere esclusivamente informazioni di natura pratica, applicativa, di utilità immediata. L'abstract non deve contenere introduzioni teoriche, rassegne di letteratura o descrizioni di come è stato svolto il lavoro, ma solo una sintetica esposizione del prodotto finale del proprio lavoro o di uno solo degli argomenti in esso definiti. L'abstract deve contenere in modo molto sintetico solo definizione di metodi, tabelle di dati utili (ad esempio dati normativi rilevanti), protocolli di intervento, disposizioni normative o giurisprudenza rilevante, liste di strumenti o procedure etc.

In breve l'abstract non deve essere una forma molto ridotta e riassunta (per cui inutilizzabile) di tutta la tesi, bensì la scelta delle sue pagine più rilevanti, innovative e presumibilmente utili per altri lettori.

Alcuni esempi (valore solo indicativo):

 

Redazione degli abstract delle tesi

Poichè l'abstract dovrà poi essere trasformato nel formato di internet (HTML), si invitano gli studenti a non utilizzare formattazioni strane, font speciali, colonne, note, cornici etc. Sono ammesse invece liste, tabelle (solo se semplici, senza formattazione particolare), grafici e immagini.

Il file deve necessariamente essere in uno dei seguenti formati:

Coloro che avessero come unica possibilità il sistema Macintosh devono comunque salvare il file in un formato compatibile Windows (ad es. formato Word o .rtf).

Per ulteriori chiarimenti sulla redazione dell'abstract della tesi rivolgersi al prof. Corrado Lo Priore.

 

Consegna degli abstract delle tesi

Poichè la consegna dell'abstract è di fatto facoltativa, non esiste una scadenza improrogabile. Si invitano comunque gli studenti a consegnare l'abstract contestualmente alla consegna delle tesi o nel corso della sessione finale di discussione delle tesi.

L'abstract non deve essere consegnato in formato cartaceo, ma come file (unico) su floppy disk. Il dischetto deve essere necessariamente formattato DOS, coloro che avessero come unica possibilità il sistema Macintosh devono comunque consegnare un dischetto formattato DOS. Si invitano gli studenti a effettuare controllo antivirus prima di consegnare il dischetto. Ricordarsi di indicare sull'etichetta del floppy disk il nome del perfezionando. Il floppy disk può essere lo stesso utilizzato per la consegna della tesi completa.

Per ulteriori chiarimenti relativi al formato del dischetto o del file rivolgersi al prof. Corrado Lo Priore.

 


Ritorna alla homepage